DOMANDA SERIA: ma non vi siete ancora rotti le palle di avere a che fare con speleologi (o associazioni??) che tengono i rilievi secretati da anni a proprio appannaggio esclusivo?

DOMANDA SERIA: ma non vi siete ancora rotti le palle di avere a che fare con speleologi (o associazioni??) che tengono i rilievi secretati da anni a proprio appannaggio esclusivo?

Voglio dire, in epoca di internet, condivisione dei dati, open-source, in cui si va verso una società di apertura a beneficio di tutti, come si può accettare ancora una segretezza che serve solo a pochissimi, che alimenta dissapori, e che fra l’altro non stimola neppure a nuove ricerche o scoperte?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *